giovedì 27 novembre 2014

Sulle persone negative


Nella vita incontrerai delle persone con il super potere di fare apparire sbagliato tutto quello che fai. Demoliranno e scoraggerrano ogni tua attività.

Non parlo dei genitori, che cercano di dissuaderti da quelle cose che credono non ti porteranno nulla di buono: loro agiscono in buona fede (spesso comunque sbagliando di brutto, come la madre di Rocco Siffredi che lo rimproverava quando si chiudeva un bagno a masturbarsi).

Intendo gli individui tristi, frustrati che vedono merda ovunque tranne nelle cose che fanno loro.
Lodano le loro piccole imprese (tipo essere riusciti a 34 anni ad andare in bici senza le rotelle) e ridicolizzano le tue (come aver saltato il Grand Canyon su di un monopattino).

"Che vuoi che sia" "Non è niente di particolare" "Cosa c'è di esaltante in tutto questo" "Non ci riuscirai" "È inutile" sono solo alcune delle frasi costantemente nelle loro bocche.

Hanno una vita triste, trascorsa senza aver combinato nulla che sia degno di nota. L'unico modo che hanno trovato per far sopravvivere il loro ego, non potendo elevare troppo i (miseri) traguardi da loro raggiunti, è di abbassare tutti quelli degli altri.
Anche nella sfiga sono capaci di voler primeggiare: se gli spieghi che hai l'ebola e loro un banale raffreddore, sono capaci di dirti che almeno per la tua malattia c'è una cura sperimentale, mentre loro devono aspettare che passi da sola.

Se mai incontrerai uno di questi individui (e succederà di sicuro, perché sono ovunque, anche tra i tuoi amici) devi fare una sola cosa, senza pensarci troppo: mandarlo a fanculo con fermezza e decisione.

Cordialità, 
Il Triste Mietitore